Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Servizi online
Albo Pretorio on-line
Albo telematico imprese
Archivio atti e provvedimenti
Cambio residenza
Tributi e Tariffe
Modulistica
Posta elettronica certificata
Regolamenti
Rss
In evidenza
Associazioni
Biblioteca comunale
Centro famiglia 180°
Centro servizi anziani
Gemellaggi
Lotta alla zanzara tigre
Mercati
Notiziario comunale
Pace e diritti umani
Palazzo Libera
Patto d'Area
Piano Protezione Civile
Piedibus
Pro Loco Pedersano
Pro Loco Castellano-Cei
Rete di Riserve Bondone
Scuola musicale Jan Novák
SpazioLab
Solidarietà internazionale
Tavolo Giovani Destra Adige
Links utili
Provincia autonoma di Trento
Comunità della Vallagarina
Consorzio dei Comuni Trentini
Difensore civico
Garante dei minori
Azienda Provinciale Servizi Sanitari
Centro AntiViolenza Trento
Agenzia del Lavoro
Cinformi
LILT Trentino
APT Rovereto e Vallagarina
VisitVillaLagarina
Progetto Destra Adige Lagarina
Agenzia dello Sport Vallagarina
CastelFolk
In primo piano
L.N. - 13 gennaio 2020

Domenica 19 gennaio 2020 il “Cross Internazionale della Vallagarina” vivrà la sua edizione numero 43. Questo evento è diventato un appuntamento di prestigio nel panorama della corsa campestre non solo in Italia, ma anche in Europa, con un albo d’oro ricco dei nomi più prestigiosi della corsa prolungata. Per quanto riguarda gli italiani basta ricordare i campioni olimpici Gabriella Dorio e Gelindo Bordin e i campioni del mondo Alberto Cova e Francesco Panetta. Altrettanto per quanto riguarda gli stranieri, con il pluricampione europeo Sergey Lebid e negli ultimi anni keniani ed etiopi medagliati a livello olimpico e mondiale. L’attuale campione mondiale dei 5.000 metri, l’etiope Muktar Edriss, ha fatto il suo debutto a livello internazionale proprio vincendo il Cross della Vallagarina. Per l’assessore comunale allo sport, Andrea Miorandi: «Ancora una volta dobbiamo sentirci orgogliosi: una disciplina autenticamente popolare quale la corsa campestre sceglie il terreno del Trentino e del nostro Comune, per assegnare un traguardo di livello internazionale»

Continua >>
L.N. - 6 gennaio 2020
La Sala Nobile durante un recente evento pubblico

Il Comune di Villa Lagarina ha recentemente dotato di impianto audio-video fisso uno dei locali più prestigiosi del suo patrimonio immobiliare: si tratta della Sala Nobile, al primo piano di Palazzo Libera. Fisicamente inserito nella sezione lagarina del Museo Diocesano Tridentino, questo autentico gioiello della cultura ospita in particolare concerti di musica classica - come i festival Settenovecento, Più Piano e Herbst Musicaux, la Settimana Mozartiana e gli Aperitivi in Musica - ma anche incontri pubblici, convegni, seminari, proiezione di film e documentari. Il vicesindaco e assessore alla cultura Marco Vender spiega soddisfatto: «Finalmente siamo riusciti a dotare questa sala pubblica di un moderno e professionale impianto di tipo fisso, un ausilio davvero a lungo atteso che ne aumenta ulteriormente le potenzialità. Ora restano da sistemare le luci, vediamo se nei prossimi mesi riusciamo a trovare le risorse»

Continua >>
M.V. - 1 gennaio 2020
Romina Baroni

La conclusione del 2019 per la maggior parte dei comuni trentini - Villa Lagarina inclusa - coincide non solo con il termine dell’anno solare ma di fatto anche con la chiusura della consiliatura. La giunta regionale ha infatti fissato al prossimo 3 maggio la data per l’elezione dei nuovi sindaci e consigli comunali in Trentino come in Alto Adige, con l’eventuale turno di ballottaggio al 17 maggio. Ospitiamo come di consueto il messaggio della sindaca Romina Baroni che ripercorre i momenti più significativi dell'anno che abbiamo appena lasciato e augura a tutte le cittadini e cittadini un sereno duemilaventi «in cui si sappia riscoprire l'importanza dei momenti di socializzazione per declinare e comprendere tutti assieme le importanti e vere sfide future che ci attendono, lasciando in secondo piano le percezioni spesso indotte e i luoghi virtuali che sempre più non corrispondono alla realtà»

Continua >>
L.N. - 23 dicembre 2019

Va all’asta, per 15 annate agrarie, rinnovabili, l’affitto del fondo rustico di 19mila metri quadri noto come “Vigneto Morela”. Se ogni Comune può vantare di fornire “acqua del sindaco”, Villa Lagarina può contare anche sul “vino della sindaca”: il vigneto in località Giardini, infatti, è di proprietà pubblica e chi si aggiudicherà la conduzione dovrà curare anche vinificazione e imbottigliamento con etichetta “Morela Igt Vallagarina”. È scaduto il contratto stipulato con l'Azienda vitivinicola Vilàr di Luigi Spagnolli, che per vent'anni si è occupato della coltivazione delle uve cabernet sauvignon, merlot, lagrein e teroldego messe a dimora con forma di allevamento a guyot e che non intende proseguire. «Ci tengo a ringraziare Luigi per la collaborazione e l’ottimo vino prodotto in questi anni - spiega la prima cittadina, Romina Baroni - a chi subentrerà, toccherà il compito di eguagliarne la qualità. Il Comune è certificato Emas, con cui si obbliga alla protezione dell'ambiente in modo sistematico, per questo al nuovo affittuario sarà chiesto di proseguire a coltivare e vinificare col metodo biologico o biodinamico, anche pensando che la zona è attigua all’area sportiva e ricreativa comunale». Vai al bando

Continua >>
Tutte le notizie >>