Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Fuori dal Comune, in arrivo il numero 13
L.N. - 28 gennaio 2019

Sette anni e ormai 13 numeri di “Fuori dal Comune”, per una pubblicazione che comincia ad avere una propria storia e che, nel tempo, ha ospitato decine e decine di articoli e fotografie con l’intento di descrivere tutto un territorio, quello del Comune di Villa Lagarina. Ha anche puntato al di fuori di questo ambito: ha allargato lo sguardo verso il mondo, con riflessioni sulle politiche internazionali o - come anche nel prossimo numero in arrivo nelle case - sul clima. Ma questo ampliare la visuale si concretizza anche nei servizi giornalistici dedicati al lavoro fatto per promuovere la gestione sovracomunale del bene pubblico, dapprima con le gestioni associate e, in prospettiva, con la fusione delle municipalità di Villa Lagarina, Nogaredo e Pomarolo. Come il lettore può facilmente intuire, proprio su questo tema si concentra un ampio articolo - parliamo sempre del numero in uscita - corredato anche dalle prese di posizione dei gruppi di minoranza in consiglio comunale. Altro tema portante, anch’esso arricchito dai contributi di tutto il consiglio comunale, è quello legato ai lavori di ampliamento della Cartiera, con l’azienda che si è confrontata con l’amministrazione per far arrivare al territorio un giusto riscontro all’ospitalità che qui trova per la sua produzione: sono in arrivo un tratto di ciclabile e un parco completamente nuovi, realizzati proprio dalla ditta. Buona lettura


Scorrendo l’indice, si trovano articoli sull’arrivo in paese di una colonnina per la ricarica veloce dei veicoli elettrici e una piccola carrellata sui giochi installati in alcuni parchi pubblici. Due strutture di proprietà comunale sono state affidate e siamo andati a conoscere i nuovi gestori, che ci spiegano i loro progetti imprenditoriali: parliamo del Bocciodromo con annesso bar e di Malga Cimana. In bocca al lupo a loro e l’augurio ai cittadini di trovare nuovi e accoglienti spazi di socializzazione.

Nel numero 13 si parla anche, ormai un classico per Villa Lagarina, della partecipazione alla Marcia per la Pace Perugia – Assisi e l’articolo, non a caso, è vicino a quello che racconta del consiglio comunale organizzato anch’esso per parlare di anniversario della fine della Grande guerra e dunque di Pace.

Attenzione poi per i cittadini più volonterosi, perché riparte il bando per assegnare “in adozione” fontane e aiuole di cui prendersi cura mentre, sul fronte cultura, scopriamo le mostre di figurini di Franco Grones, anch’esse dedicate al racconto del Primo conflitto mondiale e, ancora una volta, celebriamo il nostro artista più talentuoso con un articolo sul catalogo che, realizzato da Warin Dusatti (che firma anche l’articolo) celebra Attilio Lasta. Dopo i consigli sui libri a cura del bibliotecario comunale Roberto Adami, ecco – come da tradizione – il focus su due associazioni del paese: in questa occasione si tratta del Coro Anin e del Comitato Castelfolk.

La vitalità delle iniziative giovanili anticipa la sezione dedicata all’ambiente, con il Comune di Villa Lagarina che sembra, ancora una volta, voler dare esempio di volontà innovativa. Due articoli: uno per la nuova edizione della dichiarazione ambientale e uno per ricordare il premio, ricevuto a ottobre, di città amica degli animali. A quest’ultimo tema si ispira anche la copertina, con una fotografia che è gentile omaggio di Ivan Erspamer.

Spazio, come sempre, alle libere riflessioni dei tre gruppi consiliari per chiudere con la quarta di copertina, che richiama il tema del consiglio comunale per la Pace e celebra i nomi dei 77 caduti lagarini della Grande Guerra.