Il parco Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Corre col Crus il trentino più veloce di sempre
L.N. - 11 febbraio 2019

Ha appena compiuto 18 anni e ha il record regionale assoluto nei 60 metri indoor e nei 100 outdoor: è il trentino più veloce di tutti i tempi. Lorenzo Paissan corre coi colori del Lagarina Crus team e recentemente si è imposto ai campionati italiani indoor di Ancona sui suoi pari età; nel suo futuro, c’è il sogno di tanta atletica. «Vorrei che diventasse il mio lavoro, ma valuto anche di frequentare l’università – spiega – forse l’ingresso in un corpo militare può essere una valida opzione». Ad allenarlo è Silvano Pedri, che lo descrive come un ragazzo determinato e serissimo nei propri impegni. Un grande orgoglio, ovviamente, anche per la comunità di Villa Lagarina, ecco le parole dell’assessore allo sport Andrea Miorandi: «Avere in casa una società sportiva che raccoglie e cresce giovani promesse è una soddisfazione sia per noi amministratori che per la stessa società. I campioni vanno cresciuti e formati e il Lagarina Crus Team è una famiglia dove molti valori umani vengono trasmessi e condivisi. Un plauso a Silvano per quanto sta facendo, per l'impegno e la tenacia che impiega nell'allenare i suoi ragazzi. Lorenzo è un giovane campione, che sta realizzando grandi cose e il suo futuro sarà sicuramente ricco di emozioni e ottimi risultati. Un sincero complimento sportivo!»


Lorenzo si allena 5 volte a settimana e, nel frattempo, studia per la maturità scientifica. «È molto impegnativo, soprattutto perché la scuola italiana non è strutturata per favorire gli sportivi. Facendo molte gare parlo con gli atleti stranieri e mi dicono che altrove ci sono più opportunità». Pur giovanissimo, sei già un veterano delle gare, cosa consiglieresti a un ragazzino con la passione per l’atletica? «Di dare tutto per quello che vuole fare, senza però abbandonare l’impegno con la scuola».

Ad Ancona è arrivato un titolo italiano che ti ha permesso anche di ritoccare il tuo record nei 60: era già primato regionale. «Sì ad Ancona è andata molto bene. La pista era un po’ più lenta degli scorsi anni e la cosa si sentiva già dalle batterie. Là contava vincere, non tanto fare il tempo, comunque sono contento di aver migliorato anche quello. Lo scorso anno avevo avuto una stagione con qualche difficoltà, ora ho cambiato allenatore e ho dovuto abituarmi a ritmi e modi diversi. C’è ancora da lavorare su qualche aspetto, ma direi che sta andando molto bene».

Quale sarà il prossimo impegno? «Con la nazionale sarò di nuovo ad Ancona a marzo per un triangolare a cui di solito partecipano Francia e Germania, ma quest’ultima ha comunicato che non ci sarà, dunque arriverà un’altra nazionale».

L’allenatore Silvano Pedri parla volentieri del suo atleta: «È decisamente promettente; era con un’altra società e poi ha scelto noi e questo ci fa molto piacere. Lui ha iniziato a gareggiare da piccolo. Corre sia indoor che outdoor e siamo ansiosi di metterci alla prova sui 100 metri. Ad aiutarlo sono il suo carattere forte e la sua determinazione: nello sport individuale sono cose fondamentali».

Ma l’impegno non è solo individuale: «Si allena all’interno del gruppo che seguo io e, assieme ai suoi compagni, ha anche il record regionale della staffetta 4 per 100» conclude Pedri.

Ad Ancona, ai primi di febbraio, Lorenzo Paissan ha abbassato due volte il proprio primato personale dei 60 metri, prima nella semifinale (6”76) e poi in finale dove ha chiuso con 6”75: 32 passi per arrivare primo. Tra le altre cose, è settimo nelle liste italiane Junior di sempre.

Clicca sull'immagine per visitare la galleria