Il paesaggio terrazzato Uccello S. Maria Assunta
Incontri all'orizzonte
L.N. - 25 aprile 2016

Continua, senza interruzioni, la sequenza di esposizioni ospitata a Palazzo Libera: ormai un punto di riferimento per tanti artisti e, ancor più, per tanti appassionati. Sabato scorso è stata inaugurata la mostra "Incontri all'orizzonte" visitabile fino al 5 giugno. Curata da Mario Cossali, propone il confronto tra due stili diversi che si incontrano, dopo un personale tragitto lungo un orizzonte, capace di raccontare i punti in comune. A esporre assieme sono Helena Gath e Gentile Polo; spiega il curatore: «Si tratta di due percorsi artistici molto diversi, per certi aspetti addirittura antagonisti. Stanno bene assieme non solo perché i due artisti sono uniti da profonda amicizia, ma anche perché entrambi propongono una costante riflessione sull'esserci a tutti i livelli: dai sentimenti alla rappresentazione, dalla realtà al sogno». Per l'assessore comunale alla cultura, Marco Vender: «Una mostra che va assolutamente visitata, con curiosità e voglia di lasciarsi sorprendere»


Il titolo della mostra racconta una storia. Incontri all’orizzonte. Una cena del Gruppo Iosolismo a Badoere del Morgano, vicino a Treviso. Una promessa di rivedersi insieme a una mostra in Trentino e ora il concretizzarsi di un'idea. Sono due stili diversi che si mettono a confronto partendo da presupposti simili pur giungendo a due realtà diverse. Ed ecco perché all’orizzonte. Partono. Decidono di indagare e poi si ritrovano.

Spiega ancora Mario Cossali: «In entrambi i casi abbiamo un'arte legata alla vita e, in questo senso, si tratta di arte realistica. Per quanto riguarda Helena Gath, residente in Francia ma argentina per formazione e cultura, possiamo parlare di un neo surrealismo con frequenti citazioni letterarie. Per Gentile Polo la pittura è figurativa ma ricerca sempre la simbologia. Rispetto alle tecniche, più storiche e tradizionali sono quelle di Gath con acquarelli, acrilico e inchiostro; più artigianali quelle di Polo che incide il suo acrilico - sempre a tre colori - e lo ricopre di una patina di vernice».

Per chi volesse approfondire, sul sito del Comune di Villa Lagarina sono riportate le biografie dei due artisti. La mostra è a ingresso libero ed è visitabile fino al 5 giugno mercoledì, giovedì, venerdì dalle 14 alle 18; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 18. Info: Comune di Villa Lagarina, www.comune.villalagarina.tn.it, Fb/ComuneVillaLagarina, cultura@comune.villalagarina.tn.it, 0464 494202.

Clicca sull'immagine per visitare la galleria